5 Cose che devi sapere sul Cammino di San Nilo

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Che cos'è il Cammino di San Nilo?

Il Cammino di San Nilo nel Cilento bizantino è un itinerario turistico di circa 100 km suddiviso in 7 tappe. Parte dal comune di Torraca e si snoda nel Basso Cilento fino ad arrivare a Palinuro, nel comune di Centola, attraversando 11 bellissimi borghi immersi nella natura del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. 

Il Cammino di San Nilo ricalca il percorso che portò il giovane Nicola, nativo di Rossano Calabro, a vestire l’abito monastico e ricevere il nome di “Nilo” a San Nazario – attualmente frazione del comune di San Mauro la Bruca – dove realizzò la sua vocazione monastica. 

A chi è rivolto?

Il percorso è accessibile a tutti ed è stato ideato e realizzato per permettere a tutti di partecipare, dai più giovani ai più adulti. Si consiglia un po’ di allenamento prima della partenza  perché si alternano salite e discese per la conformazione tipica del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, per cui in alcune tappe potrebbe risultare faticoso a chi è abituato a camminare in pianura. 

Il cammino non è una corsa a chi arriva prima o un’avventura per esperti di trekking, ma un’esperienza personale da vivere in sintonia con il gruppo.

Devo essere credente per partecipare?

No. Il Cammino di San Nilo è un’esperienza di viaggio a piedi a contatto con la natura e le comunità locali. Il Cammino ti permette di conoscere un mondo a noi sconosciuto e di capire quanto il monachesimo sia stato importante in queste regioni  e quanto ha contributo alla formazione della nostra identità. Come i migliori viaggi a piedi, è anche l’occasione per i pellegrini di conoscere le abitudini culinarie di questa zona del Sud Italia e di assaggiare i deliziosi piatti della Dieta Mediterranea.

Ci sarà una guida autorizzata?

Ci saranno due guide ad accompagnarti durante il viaggio. Carlo , Guida esperta AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche ), amante della natura con un’esperienza trentennale di escursionismo e Settimio , ideatore del progetto “Cammini Bizantini”, amante di viaggi e sviluppo locale.

Cosa portare per fare il Cammino?

E’ importante partire avendo preparato bene lo zaino, il peso non è un elemento trascurabile per un pellegrino. Si consiglia in generale di avere uno zaino leggero, per i dislivelli che si incontrano frequenti nelle tappe, e l’abbigliamento obbligatorio con scarpe da trekking (meglio alte che basse), un kway per la pioggia, una borraccia, una lampadina e un costume da bagno da utilizzare all’arrivo dell’ultima tappa a Palinuro. E’ comunque previsto a pagamento  il servizio di trasporto bagagli.  

Per ulteriori info, scrivici a info@camminibizantini.com 

Cammini Bizantini

Cammini Bizantini